COME SI PRODUCE IL VINO

Postato da Fede il 20 agosto 2009 alle ore 08:00.
Come si produce il vino

Come si produce il vino

Abbiamo cercato di riassumere in poche righe la lunga nascita del vino, descrivendo le varie fasi di produzione che la costituiscono:

VENDEMMIA

E’ il raccolto dell’uva, la quale può essere svolta a mano o meccanicamente.

PIGIATURA

I grappoli d’uva raccolti devono essere trasformati in mosto.

Un tempo veniva svolta esclusivamente con i piedi dai contadini ora viene svolta meccanicamente.

Il mosto prodotto viene pulito dalle impurità e viene regolata l’acidità e la componente zuccherina.

FERMENTAZIONE ALCOLICA O VINIFICAZIONE

Consiste nella trasformazione degli zuccheri presenti nel mosto in alcol etilico più anidride carbonica, questa attività avviene grazie ai lieviti.

Bloccando la fermentazione prima della totale trasformazione degli zuccheri, si ottengono vini amabili, mentre con la trasformazione completa si ottengono vini secchi.

VINIFICAZIONE IN BIANCO O IN ROSSO

Il processo di vinificazione varia a seconda che si vogliano ottenere vini bianchi o rossi.

Se il mosto viene separato dalle vignacce si otterrà vino bianco perciò vinificazione in bianco, se invece il mosto viene fatto macerare insieme alle bucce, raspi, semi si otterrà vino rosso, quindi la vinificazione in rosso.

I vini rosati nascono invece con una parziale vinificazione in bianco.

INVECCHAIMENTO O MATURAZIONE

Consiste in un procedimento di lenta maturazione nelle botti, cioè va in contro ad una ulteriore fermentazione e trasformazione dello zucchero residuo.

In questa fase la maggior parte dei vini bianchi è pronta per esser imbottigliata, mentre per  alcuni  vini rossi inizia la fase di invecchiamento che può durare fino a circa cinque anni.

IMBOTTIGLIAMENTO

In questa fase il vino continua il processo di fermentazione.

Per evitare l’inglobamento di ossigeno bisogna non agitare troppo le bottiglie e cercare di far entrare meno aria possibile.

Le bottiglie devono esser pulite, asciutte e di vetro scuro in modo da non alterare la qualità del vino evitando le radiazioni solari ultraviolette.

Anche il tappo è molto importante, il migliore è quello di sughero perché è inodore, insapore, impermeabile all’aria e all’acqua aderendo inoltre perfettamente al collo della bottiglia.

Un commento

Lascia un commento